Qualche mese fa (giorno più giorno meno), mi era palesata la voglia di tornare a disegnare e dipingere. 

Ho sempre disegnato da quando ho memoria, ho fatto scuole artistiche, ma dopo il liceo (e un po’ di Accademia di Belle Arti), ho avuto una svolta universitaria diversa e ho accantonato matite e colori. Questo per tanto, troppo tempo. Avevo una specie di rifiuto, mi continuavo a dire che era mancanza di tempo ma in realtà era solo una scusa. 

Quel giorno di qualche mese fa, sono andata in un remoto cassetto a cercare i materiali di scuola. Il mio astuccio era come l’avevo lasciato, matite mangiucchiate e cortissime, carboncini rimasti a metà, gomme con su scritto nomi di band punk rock che ricordo a stento. 

E poi i miei acquerelli. Una sciccosissima scatolina di metallo nera. 

Ho iniziato a disegnare dopo 16 anni ed è stato come non aver mai smesso. 


Ho voluto così ridare spazio al disegno, all’acquerello, alla copia dal vero di soggetti naturali, che sono sempre stati un po’ il mio forte. Ho voluto che in qualche modo entrassero in contatto con il mio brand. 

Si, sono una sarta naturale che disegna la natura. 

Per avvicinarmici sempre di più, perché mi fa stare bene, perché il disegno è terapeutico.

All’inizio ero titubante, avevo paura che la cosa minasse un po’ il mio progetto lavorativo, che potesse creare confusione, che le persone entrassero nelle pagine dei miei social pensando: “ma questa che cavolo fa? Disegna o cuce?” Ebbene sì, faccio entrambe le cose, da oggi senza paura. 


Perché sono convinta che il lavoro deve fare bene e non fermarsi mai, perché ne sentivo il bisogno e tutto è venuto talmente naturale che ho pensato fosse proprio un peccato lasciare questo progetto nel cassetto.

Disegnare è come respirare. E sono rimasta in apnea per troppo tempo. 


I disegni che vedete in foto sono originali, ad acquerello e inchiostro a china.  Sono liberamente tratti dall’Erbario del 1543 di Leonhart Fuchs. Per il momento, perché quando esploderà la primavera conto di andare in giro per i campi a dipingere an plain air. 

Sono in vendita solo gli originali, non ci saranno copie. Ogni disegno sarà un pezzo unico. 

Li trovi sul mio shop di Alittlemarket in esclusiva, ti lascio il link se vuoi seguire anche questo progetto collaterale al quale tengo molto: 

Atelier sul Brenta su Alittlemarket
Per ora ci sono pochi disegni ma conto di aggiungerne sempre qualcuno di nuovo. Se hai una pianta preferita poi, sarò lieta di riprodurla per te; questo perché mi da la possibilità di conoscere le persone tramite le piante e mettermi in gioco ulteriormente. 

Mi farebbe tanto piacere sapere cosa ne pensi, ogni contributo o pensiero è sempre prezioso. Grazie. 

4 pensieri su “Disegnare è un atto terapeutico. 

  1. È vero, io adoro disegnare fin da piccola e per qualche strano motivo, è proprio nei momenti più difficili che trovo maggior ispirazione e riesco ad esprimere al meglio la mia creatività 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...